­

I MIRACOLI

 

1. LA FEDE NEI MIRACOLI

    Secondo un recente sondaggio, condotto da un’importante rivista americana, l’85% della popolazione adulta degli Stati Uniti crede nei miracoli e quasi la metà dichiara di esserne stata diretta testimone almeno in una occasione. In realtà, milioni di persone, tutti i giorni, in tutto il mondo, chiedono a Dio, ai Santi o anche ai defunti di intervenire sulla propria vita. Naturalmente esistono anche coloro che non credono ai miracoli più di quanto non credano alla befana o al principe azzurro. Per costoro i miracoli sono residui della immaginazione infantile, ma per quelli che ci credono, cosa sono esattamente i miracoli?

    Molto spesso il termine “miracolo” viene usato a sproposito. Si dice, ad esempio, che il portiere della squadra del cuore, evitando un goal sicuro, abbia compiuto un autentico miracolo. Si è trattato veramente di un miracolo? Sicuramente no, è semplicemente un modo di dire. In verità di frequente, nel linguaggio comune, si fa uso del termine “miracolo” per descrivere un fatto indubbiamente eccezionale, ma al quale non si può certo dare la qualifica di miracolo. Nel caso sopra citato, il portiere è stato molto bravo (e forse anche un po’ fortunato), ma non ha certamente compiuto un miracolo. Facciamo un altro esempio. Vincere al Superenalotto è oggettivamente molto difficile, ma, se una persona vince, dobbiamo pensare al miracolo oppure ritenere che, date le regole del gioco, qualcuno ogni tanto debba pur vincere?

    Spesso, quando si parla di miracoli, si fa riferimento ad eventi che non presentano necessariamente carattere religioso, ma semplicemente escono dall’ordinario al punto da essere notati e suscitare in molti meraviglia e stupore. Per il credente, invece, l’evento definito miracoloso è un messaggio, un fatto in cui scopre l’intervento di Dio in suo favore.

    Una settimana dopo il terremoto un uomo viene estratto dalle macerie ancora vivo. Egli dichiara, dopo essere stato portato in salvo, di aver così tanto pregato Dio che alla fine gli ha fatto la grazia di salvarlo. Ma tutti gli altri – ci si chiede – tutti quelli che sono morti, siamo sicuri che non abbiano pregato anche loro chiedendo a Dio di salvarli? Non lo sapremo mai, ma è certo che, se si fossero salvati, avrebbero dichiarato che la loro salvezza era effetto della preghiera.

    C’è chi si salva perché prega, c’è chi prega e non si salva e c’è anche chi non prega e si salva lo stesso. Uscire vivo dalle macerie dopo una settimana è veramente di un miracolo? Indubbiamente per quella persona si sono messe in atto molte coincidenze fortunose, ma l'essere sopravissuto, anche in questo caso, non può essere definito un miracolo. Per miracolo si deve intendere qualche cosa che supera le potenzialità ordinarie dell’uomo violando le leggi di natura. Per San Tommaso d’Aquino, ad esempio, miracolo era “tutto ciò che avviene per intervento divino scostandosi dall’ordine normale delle cose”. Quindi, nel caso della persona che è uscita indenne dalle macerie del terremoto, si sarebbe trattato di un miracolo se essa fosse uscita viva non dopo sette, ma dopo settanta o settecento giorni, perché si può sopravvivere senza bere e mangiare per sette giorni, ma non per due mesi o più. Solo in quest’ultimo caso si sarebbe trattato infatti di un evento contro natura, fuori dall’ordine normale delle cose e quindi di un autentico miracolo.

 

2. DIVERSI TIPI DI MIRACOLO

    Potrebbe essere definito “miracolo” il realizzarsi non già di qualcosa di eccezionale, ma di normalmente impossibile. Un vero miracolo potrebbe essere ad esempio il riformarsi del braccio di una persona a cui sia stato amputato: penso che far ricrescere un braccio o anche solo un dito, per un Dio che può far risuscitare i morti, sarebbe un gioco da bambini. Questo gesto, oltre tutto, servirebbe per chiudere definitivamente la bocca a tutti gli scettici e i dubbiosi che non credono nelle guarigioni miracolose. Ma un evento del genere non si è mai verificato: esso avrebbe suscitato nei mass-media un clamore superiore a quello che accompagna lo scioglimento del sangue di San Gennaro. 

    I miracoli (dal latino mirari, “guardare con stupore”) sono presenti in quasi tutte le religioni, ma soprattutto in quella cristiana che sull’essenza del soprannaturale fonda il messaggio evangelico. Nel Nuovo Testamento sono menzionati molti miracoli compiuti da Gesù Cristo, come la moltiplicazione dei pani e dei pesci o le guarigioni degli infermi, ma il miracolo più importante è la sua stessa resurrezione.

    Ora però, se un miracolo fosse effettivamente la violazione delle leggi di natura i miracoli non dovrebbero essere accettati non solo dalla scienza, ma nemmeno dalla Chiesa. La scienza non accetta tutto ciò che viola le leggi di natura semplicemente perché violare quelle leggi significherebbe sovvertire l’ordine naturale delle cose. Prendiamo ad esempio la legge in base alla quale non è possibile superare la velocità della luce. Ebbene questo limite non è raggiungibile non solo e non tanto per motivi di ordine tecnico (si tratterebbe di viaggiare a un miliardo di kilometri all’ora, una velocità diecimila volte superiore a quella massima raggiungibile attualmente), ma per ragioni molto più profonde connesse con il comportamento stesso della materia. La teoria della relatività di Einstein suggerisce un fatto che si è potuto anche sperimentare direttamente e cioè che a mano a mano che un corpo accelera, la sua massa aumenta al punto che se raggiungesse la velocità della luce la sua massa diventerebbe infinita. Ma ciò è assurdo perché per spingere un corpo di massa infinita servirebbe una forza infinita e nell’Universo non esiste né massa infinita né energia infinita, necessaria per spingere un corpo di massa infinita. 

     Facciamo un altro esempio. Esiste una legge di natura che afferma che l’entropia (cioè il disordine) dell’Universo aumenta sempre, qualsiasi cosa si faccia. Questo significa ad esempio che il bicchiere ha la tendenza naturale a cadere a terra e a rompersi in mille pezzi. Non può succedere invece che i frammenti di vetro si rimettano spontaneamente insieme per riformare il bicchiere e consentirgli di rioccupare intatto il suo posto sul tavolo dal quale era caduto. Se ciò avvenisse, come si vede a volte in una sequenza di un film girato al contrario, si tratterebbe di un autentico miracolo. Credo peraltro che nemmeno un bambino si lascerebbe ingannare dal bicchiere che ricompone i pezzi e si ripresenta integro sul tavolo, o pensi che il prestigiatore tagli veramente a metà la “vittima” volontaria del suo spettacolo per poi riattaccarne le parti.

     Ma vi sono anche delle semplici constatazioni che permettono, a chi non ci crede, di considerare improbabili i miracoli. Per esempio la Madonna, che è apparsa migliaia di volte, non si è mai mostrata a chi non crede in lei. Ha anche evitato i Paesi di fede islamica come l’Arabia Saudita o l’Egitto o di fede luterana come i Paesi scandinavi mentre ha sempre prediletto Paesi a tradizione cattolica. La stessa cosa vale ovviamente anche per le altre religioni i cui miracoli si compiono solo nella propria zona di influenza.

     I diffidenti nei confronti dei miracoli fanno anche considerazioni di altro tipo per rafforzare il loro scetticismo. Essi hanno notato ad esempio che la Madonna, come gli UFO, appare quasi sempre a persone semplici, di scarsa cultura o a bambinelli analfabeti, mai ad un convegno di scienziati. Constatano inoltre che i miracoli, in tempi passati, erano molto più frequenti di quanto non siano oggi, in cui è aumentato il numero di coloro che pretendono prove rigorose su ciò che si afferma. L’ex illusionista James Randi, ad esempio, ha promesso un premio di un milione di dollari a chi fosse in grado di rispondere ad alcune domande dimostrando quelle doti di chiaroveggenza di cui costoro si fanno vanto: nessuno si è mai presentato per reclamare il premio.

    Desta sospetto anche il fatto che sui luoghi miracolosi si avvia sempre una industria redditizia legata all’evento prodigioso che diffonde benessere nella popolazione e crea tutto intorno, più che devozione, una specie di “miracolo economico”.    

    Ma nemmeno i credenti, a rigore di logica, dovrebbero prestare fede ai miracoli perché essendo il creato opera di un Ente perfetto è perfetto anch’esso e tale da non tollerare aggiunte, sottrazioni o cambiamenti di alcun genere. La vera grandezza di Dio sarebbe quindi quella di mantenere le leggi della natura da Lui stesso emanate e pertanto immutabili. Se per caso Dio cambiasse l’ordine del mondo con un miracolo, questo dovrebbe essere interpretato non come un atto di forza, ma di debolezza. Non vale nemmeno la convinzione che hanno certe persone del fatto che Dio salva solo i più buoni: in Africa muoiono bambini a migliaia tutti i giorni e sono tutti bambini buoni! La verità è che il vero credente non dovrebbe avere bisogno dei miracoli per rafforzare la sua fede, proprio come per il non credente non sono sufficienti mille miracoli per fargli cambiare idea.

 

3. IL MIRACOLO DIVENTA UN BUSINESS 

    Il credente di fede cattolica, quando parla di miracoli, spesso fa riferimento a luoghi sacri come Lourdes, Fatima, San Giovanni Rotondo, o meglio a quei santuari in cui tutti gli anni milioni di persone si recano in pellegrinaggio per chiedere protezione o guarigione dalle malattie. Lourdes è il più famoso di tutti. Qui, nel 1858, una pastorella quattordicenne analfabeta, di nome Bernadette, ebbe numerose visioni della Madonna. Nella grotta in cui sarebbero avvenute le apparizioni, sgorga oggi una sorgente che i fedeli ritengono miracolosa. Dopo un’inchiesta canonica che dichiarò tali visioni veritiere, la Chiesa autorizzò il culto pubblico della Vergine di Lourdes. 

    La Chiesa si è sempre dimostrata molto prudente (fin troppo) nel riconoscere guarigioni miracolose e anche nel caso della località francese i miracoli riconosciuti ufficialmente sono stati pochi. Su una stima di circa 100 milioni di fedeli recatisi a Lourdes in più di 140 anni la Chiesa ha riconosciuto solo 66 guarigioni su 6000 casi esaminati. Si tratta di una percentuale veramente irrisoria (0,00007 per cento), un valore addirittura inferiore alla regressione spontanea del cancro rilevata dalla medicina ufficiale. Come è facile comprendere si tratta di un dato che pone armi ulteriori in mano agli scettici. La più evidente contraddizione delle presunte proprietà taumaturgiche dell’acqua di Lourdes viene proprio da Bernadette la quale, dopo una vita molto travagliata, morì a soli 35 anni.

     Attualmente la posizione della Chiesa cattolica nei confronti dei miracoli consiste non tanto nel valutare l’effetto fisico in sé, come potrebbe essere quello di una statuina della Madonna che versa lacrime di sangue, ma le conseguenze spirituali che quell’evento produce, ovvero la conversione e la preghiera della gente. I miracoli, in altre parole, non sarebbero niente di eccezionale, ma dimostrerebbero semplicemente l’interesse e il coinvolgimento di Dio e dei Santi nelle vicende terrene.

    Sulla stessa linea si pone un frate benedettino buon conoscitore della fisica il quale, per rispondere alle critiche di coloro che vorrebbero i miracoli come fenomeni che avvengono violando le leggi di natura, avanza l’ipotesi che Dio nel fare i miracoli in realtà non violi affatto quelle leggi, ma si serva di esse per inviare segnali all’uomo. Ad esempio, gli inusuali movimenti del Sole che accompagnarono l’apparizione della Madonna a Fatima non sarebbero stati altro che un fenomeno di rifrazione conseguente alla presenza di nubi che avrebbero formato davanti al Sole una specie di lente. Allo stesso modo le guarigioni miracolose non sarebbero qualche cosa che la scienza non è in grado di spiegare, ma semplicemente un segno, un messaggio rivolto più agli altri che al diretto interessato. In questo modo, però, i miracoli non sono più miracoli: sono atti di fede.

fine
Precedente Home Su Successiva